Utilizziamo i cookie per offrire i servizi e le funzionalità proposte dal nostro sito web e per migliorare l’esperienza degli utenti.

I cookie sono piccoli file o porzioni di dati che vengono scaricati o archiviati sul tuo computer o altri dispositivi.

Possono contenere informazioni sul tuo uso del nostro sito web (includendo alcuni servizi di terze parti e funzionalità offerte dal nostro sito web).

Facendo clic su ”OK” acconsenti a tale uso dei cookie.

Puoi sempre ritirare il consenso successivamente, tieni presente che se elimini o disattivi i nostri cookie puoi sperimentare interruzioni o funzionalità limitate in alcune aree del sito web.



Comunità Villa Annarita

Allegati:
Scarica questo file (Villa Annarita Carta dei servizi 2018.pdf)Carta dei Servizi[ ]1396 kB
Via dei Sospiri 27 bis 12035 Racconigi (CN) Tel. 0172.85980  Fax 0172.813884   e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Vedi mappa (nuova finestra)
Gestione: Fondazione Agape dello Spirito Santo Onlus
 
La comunità è situata a Racconigi, in via dei Sospiri, 27 bis, in una zona periferica circondata dal verde, a due passi dalla stazione ferroviaria, dista 9 km da Carmagnola e da Savigliano; 40 km circa da Torino e da Cuneo. La struttura è rivolta a persone con disabilità medio grave e grave. E’ accreditata presso il Comune di Torino come comunità alloggio di tipo C.Il Servizio, al suo interno, comprende  due nuclei: “Mistral” e “Meltemi”.  Ogni nucleo é autorizzato per n. 12 posti. La disposizione degli spazi è così articolata:
1 ingresso, 1 locale reception, 1 soggiorno-pranzo, 1 cucina, 1 bagno assistito, 1 deposito, 1 bagno collettivo, 1 camera del personale, 1 lavanderia, n° 6 camere da letto, ognuna per 2 posti letto, 4 bagni a servizio delle camere.
L’area esterna è dotata di un ampio prato verde attrezzato con tavoli, ombrelloni e area di parcheggio.
La comunità focalizza l’attenzione sulla “centralità della persona” e sul “dare del tempo” a ciascun utente. Non solo il personale educativo/assistenziale, ma tutti gli operatori presenti nella struttura si impegnano per creare un ambiente sereno ed accogliente che permetta alla “persona” di esprimere i propri desideri e le proprie preferenze. L’utente viene aiutato nella quotidianità a recuperare la fiducia, a colmare le carenze, a sviluppare le risorse, a sperimentare un rapporto affettivo rassicurante e rispettoso in modo da poter vivere dignitosamente e quanto più possibile in autonomia e senza condizionamenti. Si cerca di valorizzare al massimo le abilità residue possedute al fine  di stimolare la motivazione e lo sviluppo delle capacità di autostima e di autoefficacia. La condizione di star bene  con se stessi migliora anche  la condivisione ed il rapporto di gruppo. La progettazione delle attività viene individuata a partire da un’attenta lettura dei bisogni e da un ascolto “partecipato” nei confronti di ciascun utente redigendo un percorso e un progetto educativo  che tiene conto del vissuto, degli interessi e delle aspettative personali in un clima il più possibile familiare.
La gestione degli interventi e la valutazione dei risultati rappresenta il processo più importante per ottimizzare l’operato delle varie figure professionali.
 
Con cadenza mensile sono tenute le riunioni d’équipe (medico psichiatra, coordinatore, psicologo, educatori e operatori), durante le quali vengono programmate e organizzate le attività, affrontate tematiche emergenti, valutati in modo specifico gli aspetti clinici  relativi agli utenti.
Lo psicologo svolge degli incontri periodici con gli operatori al fine di gestire il gruppo di lavoro offrendo loro rinforzo e sostegno per problematiche inerenti la relazione con gli ospiti. Collabora con essi nella valutazione iniziale del piano di lavoro individuale relativo a ciascun ospite e individua  aree specifiche di intervento.
Svolge incontri quindicinali con gli utenti della comunità in modo da intervenire ed affrontare eventuali criticità.
Il coordinatore e lo psicologo sono a disposizione per colloqui con i familiari se richiesti dalle circostanze.
La prassi di lavoro che consente di elaborare gli interventi socio-educativi e l’avvio della relazione di aiuto comprende i seguenti punti:
  • Lavoro di ricerca sulle informazioni di tipo storico biografico e osservazione mirata dei bisogni dell’utente.
  • Individuazione degli operatori referenti in riunione di équipe.
  • Valutazione delle risorse familiari e coinvolgimento operativo dei familiari nei progetti.
  • Confronto con i referenti socio educativo sanitari della committenza.
I consulenti sanitari (psichiatra e neurologo) svolgono attività di ascolto clinico attraverso colloqui individuali al fine di effettuare un’attività di monitoraggio e l’aggiornamento delle cartelle sanitarie.
Particolare attenzione viene rivolta alla salute della persona anche in ambito preventivo.
Vengono garantiti interventi sanitari adeguati e necessari avvalendosi delle strutture sanitarie di base.
Viene predisposta ed aggiornata frequentemente una cartella per ogni utente.
L’attività assistenziale ed educativa è garantita attraverso 3 turni, mattino, pomeriggio e notte per 365 giorni all’anno. I turni di lavoro degli operatori sono organizzati in modo da assicurare un’attenzione adeguata ai bisogni di ogni utente e garantire attività strutturate utilizzando risorse del territorio  e laboratori.
Le attività svolte rispondono ad obiettivi specifici, ai bisogni e agli interessi degli utenti. Durante la giornata vengono proposti spazi e momenti a carattere riabilitativo, assistenziale educativo ricreativo e socializzante.
Le attività esterne vengono organizzate attraverso rapporti con le seguenti risorse: Consulenti Tecnici di laboratori specifici - Associazione sportiva “Vivalda”- Comune di Racconigi - Associazioni di volontariato - Servizi del territorio.
Il fine settimana segue ritmi diversi dagli altri giorni, vengono favoriti la relazione con i familiari e gli amici e il coinvolgimento in manifestazioni e feste sul territorio.
 
Sala Polivalente "ANDREA PANERO"
 

Adiacente alla Struttura è situata la Sala Polivalente "Andrea Panero" (di recente costruzione), in cui gli ospiti svolgono giornalmente le attività e partecipano ai laboratori che sono aperti anche alle realtà circostanti.

Come si raggiunge
I due capoluoghi (TORINO e CUNEO) sono collegati tramite linea ferroviaria con percorsi attivi ogni mezz’ora. La comunità è raggiungibile anche in autostrada Torino Savona, con uscita a Carmagnola, oppure con la SS. N° 20

Attività di una settimana-tipo

Laboratorio di teatro
Il laboratorio sperimenta possibilità espressive attraverso l’uso dello spazio, esercizi di espressione corporea, giochi psicomotori e giochi di fiducia. Il laboratorio prevede uno spettacolo finale con scelta di un testo o di un’idea, che va elaborata tenendo conto delle capacità e delle specificità di ciascuno.
 
Educazione cognitiva
Il laboratorio si propone di mantenere le competenze di tipo cognitivo acquisite, ovvero la lettura, la scrittura e il calcolo, al fine di svilupparle in modo funzionale e correlandole ad attività facenti parte della vita quotidiana.
 
Attività espressiva
Si propone come momento di interazione e permette l’espressione libera della creatività personale e di gruppo; offre la possibilità di comunicare utilizzando canali non verbali.
 
Acquaticità - nuoto
Gli obiettivi vengono differenziati a seconda delle capacità e della familiarità con l’acqua:
  • acquisire un grado di confidenza con l’acqua
  • migliorare la coordinazione motoria attraverso giochi ed esercizi in acqua
  • favorire una condizione di rilassamento
  • sviluppare e potenziare tecniche di stili diversi.
Attività motorie
Attraverso queste discipline si cerca di migliorare:
  • L’autonomia e il riconoscimento dei dati percettivi inerenti alle condotte motorie messe in atto;
  • L’acquisizione di capacità motorie nella vita quotidiana e di relazione;
  • L’apprendimento di tattiche e strategie  che permettono la pratica delle attività sportive;
  • La stimolazione dell’interazione e della fiducia attraverso il gioco di squadra. 
Attività socializzante - occupazionale
Il progetto è realizzato in collaborazione con il Comune di Racconigi “Area Servizi Sociali” ed è finalizzato a:
  • accrescere l’autostima attraverso lo svolgimento di alcune mansioni in modo autonomo
  • potenziare le capacità relazionali in un ambiente esterno monitorato dal tutor aziendale.
Progetto "Comune fiorito"
Consiste nell’adesione ad una iniziativa promossa ogni anno dal comune di Racconigi, nel periodo marzo/ottobre, di abbellimento di alcune piazze o strade della città attraverso la  cura di fiori e piante ornamentali  in esse collocate.  E’ finalizzato a favorire l’integrazione sul territorio e ad incrementare il senso di responsabilità e la perseveranza nell’assolvimento di un incarico.
 
Orticoltura - floricoltura
Mirano a favorire lo sviluppo dei rapporti interpersonali attraverso il lavoro, permettono il mantenimento e lo sviluppo delle capacità motorie e manuali in particolare. L’attività prevede l’apprendimento del ciclo di vita  e si conclude con il consumo del prodotto.
 
Tecniche di rilassamento
L’obiettivo è quello di promuovere
  • una distensione fisica e mentale;
  • l’autocoscienza della propria unità corporea;
  • l’aumento della sensibilità e della capacità di percezione.
Musicoterapia
L’ attività mira a facilitare e promuovere la comunicazione, le relazioni, l’apprendimento, l’espressione e ad assolvere bisogni fisici, emotivi, mentali, sociali e cognitivi. La musicoterapia si pone come scopi quelli di sviluppare potenziali e/o riabilitare funzioni dell’individuo in modo da permettergli una maggiore integrazione sul piano intrapersonale e interpersonale e una migliore qualità della vita.
 
Attività ludica
È un’attività ricreativa finalizzata al divertimento: favorisce lo sviluppo delle capacità relazionali, cognitive e fisiche. Include giochi di fantasia, solitari, collettivi, individuali e di squadra, ecc.
 
Balli
Il laboratorio mira a:
  • creare esperienze finalizzate alla valorizzazione dell’individuo e alla sua capacità di relazionarsi in modo armonico con il gruppo.
  • sviluppare la capacità motoria del corpo, utilizzando la ritmica della danza;
  • comunicare attraverso il movimento, esprimendo emozioni e sentimenti
  • attivare processi di educazione dell’affettività;
  • raggiungere una maggiore consapevolezza di se stessi e del proprio corpo, misurandosi con le proprie capacità e con i propri limiti.
Attività assistita con animali
Attraverso il nutrire e l’accudire si realizza il primo passo per stabilire un rapporto di fiducia ed è con il cibo che avviene uno scambio di informazioni e di emozioni che determinano un rapporto persona-animale di tipo dinamico. Il senso di responsabilità che viene indotto nell’accudire un animale è importante per la crescita e lo sviluppo di un’identità personale. La comunicazione fra l’animale e la persona si realizza con gesti, sguardi e contatti. Questo tipo di rapporto basato sulla naturalezza e la spontaneità determina una sorta di tranquillità e di sicurezza.
 
Cineforum
Si mira a:
  • stimolare la capacità di esprimere scelte, desideri, bisogni, opinioni;
  • far cogliere all’operatore, tramite il dialogo, i propri bisogni
  • offrire un momento di confronto su situazioni di vita, (la visione di un film può offrire spunti per parlare indirettamente di problemi o situazioni difficilmente affrontabili).
Geromotricità
Svolta a livello individuale e di gruppo mira a:  
  • mantenere e migliorare l’autonomia individuale;
  • rallentare il processo fisiologico di invecchiamento ;
  • favorire la socializzazione;
  • mantenere mobilità articolare, equilibrio, padronanza nel movimento, rilassamento, funzioni respiratoria, circolatoria e uro-intestinale.
Laboratorio di cucina
La preparazione di un piatto rappresenta sia un momento di interazione  sia un’occasione per favorire lo sviluppo di alcune abilità. Si preparano piatti molto semplici che poi vengono consumati collettivamente con gratificazione e soddisfazione.
 
Autonomia all'esterno
Pone come obiettivo lo sviluppo di competenze tali da permettere una maggiore disinvoltura e sicurezza sia durante le uscite, che negli spostamenti finalizzati al raggiungimento dei luoghi di attività esterne (analogamente per ciò che riguarda la relazione con l’estraneo e la gestione del denaro ecc.).
Vengono inoltre avviati percorsi individualizzati finalizzati all’inserimento socializzante.
 
Igiene e cura dell'ambiente personale
L’attività mira al coinvolgimento della gestione comune della casa e della quotidianità attraverso la cooperazione nella pulizia degli spazi comuni e nelle operazioni di mantenimento della Comunità (collaborazione nell’attività di preparazione tavole, raccolta differenziata,…)
 
Bricolage
Lo svolgimento di questa attività manuale, svolta a piccoli gruppi,  consiste nella costruzione di alcuni lavoretti e si propone come momento di socializzazione, interazione e mantenimento delle abilità relative alla manualità fine. Gli oggetti vengono principalmente realizzati a tema natalizio e pasquale e vengono poi donati ad amici e parenti.

Visite parenti

Parenti e amici possono accedere alla struttura tutti i giorni, 24 ore su 24, preferibilmente al di fuori dei momenti di attività organizzata.

Personale presente in struttura

La struttura  si avvale delle seguenti figure professionali:

  • Direttore
  • Coordinatore
  • Educatore Professionale
  • Psicologo
  • Psichiatra
  • Neurologo
  • Adest/OSS
  • Infermiere
  • Geromotricista
  • Musicoterapeuta
  • Manutentore
  • Addetti ai servizi generali

Gli uffici della Direzione ed amministrativi sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 1700.
Il personale, al fine di migliorare la propria professionalità, partecipa a corsi di formazione ed aggiornamento interni ed esterni.

Cosa è compreso nella retta

  • Continuità del servizio (24 su 24 ore per 365 giorni all'anno).
  • Copertura assicurativa degli ospiti per la responsabilità civile e contro gli infortuni.
  • Vitto adeguato, considerando anche le diete individuali, previste da prescrizioni mediche (per disfagia, diabete, ipertensione, obesità, ecc. o da esigenze legate a problemi di masticazione. Viene rispettato il menù approvato dal S.I.A.N. ( Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione ) dell’ASL CN 1, esposto nella sala pranzo. Si alternano 2 menù, uno invernale ed uno estivo.Il menù è suddiviso in 4 settimane, tiene conto della differenziazione stagionale di frutta e verdura. Viene garantito un buon apporto di acqua o liquidi nell'arco della giornata.
  • Servizio di lavanderia della biancheria piana e degli indumenti degli ospiti.
  • Servizio di stireria
  • Servizio di pulizia
  • Mantenimento dei contatti familiari.
  • Assicurazione del servizio accessorio di organizzazione e gestione di eventuali soggiorni estivi per le persone disabili in carico, laddove è data disponibilità (comune di Torino e  ASL TO 1 e ASL TO 2).

Altri servizi non compresi

  • tutti i capi di abbigliamento personale comprese le calzature.
  • piccole spese di vita quotidiana (bar, sigarette, ed altri generi di conforto personale.)
  • parrucchiere
  • cure estetiche (es. pedicure)
  • lavanderia per i capi che richiedono lavaggi particolari.
  • farmaci, ausili medici e protesici non erogati dal Servizio Sanitario Nazionale.
  • eventuali ticket per: farmaci, visite mediche specialistiche, accertamenti ed esami.
  • parcelle per consultazioni personali di professionisti e, in caso di ricovero, per eventuali assistenze richieste da strutture sanitarie.

{attachments}


Galleria d'immagini